Cristianità & Paganesimo. Una Chiesa da cambiare.

Le Verità 27 novembre 2022
Il libro

Ma deve essere la Chiesa a cambiare o chi ha deciso di credere? Se si studia la storia della Chiesa, di tutte le chiese e le religioni, si capisce come sia le une che le altre hanno sempre operato adattandosi ai tempi.

A questi tempi si sono dovuti adattare i fedeli e così si va avanti da sempre. La fede nel tempo costruisce sia le chiese che le religioni e la ruota continua a girare aiutando gli uomini a trovare un punto di riferimento e di aiuto nella fatica quotidiana del vivere.

Prendiamo il caso dell’arrivo di questo nemico oscuro ed invisibile chiamato Covid 19. In pochi mesi ha cambiato il nostro modo non solo di vivere ma anche di pregare.

Che dire poi delle guerre che sembrano continuare ad essere l’unico modo per gli esseri umani di risolvere i loro problemi. Si getta anche la religione nello scontro armato di potere e nelle dispute politiche e economiche.

Lo scoppio della guerra in Ucraina dimostra in maniera se pur mal celata, ma abbastanza evidente e poco discussa, anche questo punto quanto mai dolente. Vane ed inascoltate continuano ad essere le parole, gli inviti e le preghiere delle Chiese coinvolte.

Eppure “la Chiesa deve cambiare”, continua a dirsi. Continuano a dirlo in tanti, sia atei che credenti, cristiani, cattolici, ortodossi e musulmani. Ma le guerre continuano implacabili.

Nel fragore delle armi, tra le migliaia di vittime innocenti, non fa proprio nessun rumore il tentativo di una testimonianza silenziosa della fede di cui parla questo libro da poco pubblicato.

Ne ha scritto da par suo Marcello Veneziani in una recensione apparsa sul quotidiano “La Verità” di cui vedete la schermata qui in apertura di questo post, seguito dalla copertina del libro e dalla presentazione dell’editore Cantagalli.

L’articolo non fa sconti tanto a chi ha scritto il libro nè a chi, da semplice lettore, lo legge in veste di credente o meno. Nel titolo e nel sottotitolo si può capire quali sono le intenzioni dell’autrice Chantal Delsol, autorevole esponente culturale francese di matrice liberal-conservatrice.

Riassumono bene il senso dell’attacco ai valori che sia il quotidiano che il recensore danno al problema della religione nel mondo contemporaneo.

Il pensiero conclusivo con il quale Veneziani critica quelle posizioni espresse nel libro dalla Chantal lo condivido in pieno. Ecco cosa dice dopo di avere esaminato le posizioni della Chantal:

--

--

Nessuno è stato mai me. Può darsi che io sia il primo. Nobody has been me before. Maybe I’m the first one.

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store
Antonio Gallo

Nessuno è stato mai me. Può darsi che io sia il primo. Nobody has been me before. Maybe I’m the first one.